La dieta del gruppo sanguigno per diventare magri e sani

0
698

Definire la dieta del gruppo sanguigno come un qualsiasi regime alimentare è decisamente riduttivo. Questa dieta, nata diversi anni fa grazie a James D’Adamo, non si limita a far perdere peso al soggetto in questione, ma va ad influire beneficamente su tutto ciò che è la sua salute.

Non stiamo parlando di un regime alimentare fisso visto che, come è facile intuire dal nome stesso, esso si basa sul gruppo sanguigno: sia 0, A, B o AB. Proprio in base al nostro gruppo sanguigno, secondo le fondamenta di questa dieta, dovremo adattarci a consumare maggiormente alcuni specifici alimenti invece di altri.

Un’idea piuttosto insolita, ma che sta conquistando una schiera di persone entusiaste per i risultati ottenuti.

La dieta del gruppo sanguigno: ecco cosa mangiare

Ogni tipologia di sangue dovrebbe seguire una dieta diversa, in base ad alcune caratteristiche ancestrali legate proprio al gruppo sanguigno. A grandi linee possiamo affermare che:

  • il sangue di tipo 0 (il più antico della nostra specie e legato quindi alle nostre origini) richiede un maggior apporto di proteine rispetto agli altri gruppi sanguigni. Risultano invece da limitare latticini e legumi
  • Il sangue di tipo A è legato ai primi agricoltori: proprio per questo motivo chi è dotato di questo gruppo sanguigno dovrebbe mangiare molta più frutta e verdura rispetto agli altri.
  • Il gruppo sanguigno di tipo B, legato maggiormente alle antiche popolazioni nomadi, senza particolari limiti alimentari eccezion fatta per gli zuccheri raffinati.
  • Il gruppo AB, definito enigmatico, è il più “moderno” e risulta adatto a tutte le tipologie di cibo, pur mantenendo una certa moderazione per quanto riguarda i latticini.

Se prima ti ho parlato di benefici a livelli di salute, devo specificare come la dieta del gruppo sanguigno si concentri in maniera speciale non tanto sul semplice peso corporeo, ma più genericamente sul benessere generale: dal sistema immunitario, alle allergie, sino a varie malattie.

Non vi sono però solide basi scientifiche che avvalorano questa dieta…

Va specificato come sulla sua efficacia siano stati sollevati più dubbi: nonostante molte persone abbiano ricevuto benefici dalla dieta, sotto il punto di vista scientifico essa rimane una tesi. Non esistono infatti indizi veri e propri che confermino la veridicità delle fondamenta su cui si basa questa filosofia, nonostante si stia diffondendo capillarmente anche in Italia.

Come per ogni altro tipo di dieta, consiglio sempre di contattare il proprio medico di fiducia per dissipare ogni qual si voglia dubbio.

Commenti
SHARE