Secondo alcune ricerche dormire poco fa ingrassare

0
713

Dormire poco fa ingrassare: questo è quanto risalta da alcune ricerche portate avanti negli ultimi anni. Un sonno insufficiente, sia sotto il punto di vista della quantità che della qualità, potrebbe influire negativamente sul peso. Questa affermazione, per molti versi piuttosto forte, non è campata in aria. A consolidare questa opinione infatti, non vi è solo una ma ben 5 considerazioni che, in tempi e situazioni diverse, sono state effettuate da esperti del settore.

5 motivi per cui dormire poco fa ingrassare

A prescindere da fattori legati al peso, dormire poco e male fa male. Per non rendere il discorso troppo ampio e noioso però, qui ci concentreremo esclusivamente su 5 motivi per cui dormire poco fa ingrassare:

  1. secondo la dottoressa Eve Van Cauter del centro di Medicina del Sonno e del Metabolismo dell’Università di Chicago, quando non si dorme in modo non corretto, la produzione degli ormoni viene alterata. Nello specifico, l’assenza o la carenza di sonno aumenta un ormone prodotto dallo stomaco (la grelina) che solitamente riduce la sensazione di fame e, allo stesso tempo, diminuisce la secrezione di leptina, che invece stimola la sensazione di sanità. Per questo, se hai fatto caso, a volte quando dormi particolarmente poco ti svegli con più appetito del solito.
  2. Secondo il dottor Kenneth Wright, direttore del laboratorio del centro di Medicina del Sonno e Cronobiologia dell’Università del Colorado, invece la riduzione del sonno aumenta la necessità di calori. Secondo i suoi test, sono infatti circa 300 le calorie in più richieste da chi non dorme o comunque dorme molto male. D’altronde il nostro fisico, quando si trova in una fase di sonno, consuma molte meno calorie. Se invece è sveglio più a lungo, il fabbisogno cresce.
  3. Secondo la dottoressa D. DePorter dell’Università dell’Arizona, la fame che si ha quando si dorme male o di meno, è indirizzata maggiormente al puro piacere che a una reale necessità. A causa di un ritmo di veglia/sonno alterato infatti, gli endocannabinoidi aumentano a dismisura nell’organismo. Ciò va ad influire sulla necessità di cibo che percepisci rispetto a quella reale.
  4. Dormire fa poco ingrassare, secondo la dottoressa Josiane Broussard del Cedar Sinai Medical Center di Los Angeles, perché ciò altera l’equilibrio del grasso corporeo. Le cellule del tessuto adiposo così, diventano incapaci di rispondere adeguatamente all’insulina. In alcuni particolari casi, ciò può scatenare un fenomeno definito insulino-resistenza che è alla base dell’insorgenza di obesità e soprattutto diabete di tipo 2.
  5. Un ritmo di sonno alterato, è spesso accompagnato da spuntini notturni. Spesso, in questi frangenti non si assumono alimenti propriamente salutari…

 

Fonte: Informasonno

Commenti