5 Cocktail da gustare per festeggiare la fine della dieta

0
649

La dieta Plank è funzionale e ti consentirà di perdere una cifra considerevole di chili in pochi giorni. Di contro, come qualunque regime alimentare, questa richiede una certa rigidità quando ci si siede a tavola: so bene come ciò possa essere frustrante… soprattutto quando magari siamo in compagnia degli amici e vorremmo concederci quel qualcosa in più.

Quali sono i cocktail che puoi bere alla fine  della tua dieta?

E quando vai al pub la storia non cambia! La maggioranza di cocktail è ad alto contenuto calorico e praticamente nessuno rientra nei canoni della dieta Plank (ma anche di qualunque altra).

Nonostante questo discorso doveroso, va anche detto che a volte uno strappo alla regola è d’obbligo, soprattutto se vogliamo festeggiare un evento particolare come la fine della tua dieta! In questo caso puoi concederti un cocktail senza troppi rimpianti…

Esistono alcuni particolari drink che sono più adatti a fare meno danni possibili e che possono essere quindi consumati senza particolari remore, dopo aver finito la nostra dieta. Qui di seguito te ne mostrerò cinque tra i più famosi e al contempo più adatti alle tue esigenze.

*Le calorie qui sotto sono ovviamente indicative. Per avere la certezza chiedilo al tuo bartender!

 

Red eye, il cocktail di Tom Cruise (163 kcal)

Il Red eye è un drink che quasi sicuramente conoscerai se hai visto almeno una volta il film “Cocktail” di Tom Cruise. Esistono diversi modi di prepararlo, ma solitamente al suo interno vi sono vodka, succo di pomodoro, birra e un uovo.

 

Il leggendario Bloody Mary (137 kcal)

Il Bloody Mary è un drink creato da George Jessel verso la fine degli anni trenta. La preparazione coinvolge ingredienti piuttosto insoliti per un cocktail come succo di pomodoro, spezie e peperoncino, uniti poi alla più consueta vodka.

 

Il Bloody Mary e il Red Eye, non solo sono tollerabili nell’ambito di una dieta, ma aiuta anche a mantenere basso l’indice glicemico per gli ingredienti utilizzati, ovvero VERDURA: un motivo in più per gustarlo in compagnia!

 

Il Salty dog: attenzione al sale! (120 kcal)

Il Salty dog è un cocktail piuttosto famoso e largamente consumato. Si prepara utilizzando Vodka e succo di pompelmo, talvolta guarnendo il bordo del bicchiere con del sale (veleno per chi, come noi, sta seguendo una dieta).

via GIPHY

 

Se vuoi andare sul classico, pensa a un Gin Tonic (160 kcal)

Cosa c’è di più classico di un buon Gin Tonic? Preparato con gin, acqua tonica e limone, questo drink è uno tra i più consumati in tutto il mondo. A quanto pare, questo cocktail è stato inventato dai soldati inglesi che occupavano la regione indiana nell’ottocento.

Lo spritz: un aperitivo di tendenza (80 kcal)

Negli ultimi anni sta prendendo piede lo spritz, un aperitivo di origine triestina che, pur essendo nato all’inizio del novecento, sta vivendo un momento di grande popolarità in questi ultimi anni. I suoi ingredienti sono generalmente vino prosecco, aperol, soda (o acqua frizzante).

via GIPHY

 

Fai attenzione: naturalmente poter bere un drink occasionalmente non vuol dire che te ne puoi scolare una mezza dozzina a sera! A prescindere che tu sia sotto un regime alimentare controllato o meno, ricorda sempre che il consumo massiccio di alcol non fa assolutamente bene al nostro fisico.

Commenti
SHARE