Mood food: come il cibo aiuta l’umore e la tenuta della forma fisica

0
448
mood food

La stretta correlazione che c’è tra cibo ed emozioni è un fattore determinante per il tuo benessere psico-fisico. Scegliere un alimento piuttosto che un altro – optando, ovviamente, per dei dosaggi accettabili – ti dà il giusto apporto energetico per vivere al meglio la tua routine quotidiana. Ecco perché il concetto di mood food diventa strettamente importante per il tuo organismo, a maggior ragione quando la platea di pietanze si presenta alquanto variegata certificando gusti e preferenze ampiamente trasversali.

La rinuncia in toto, quindi, non è certo il rimedio più appropriato per perseguire il benessere desiderato; anzi, diversificare il tuo piano nutrizionale con oculatezza ti permette di mantenere l’equilibrio di cui hai bisogno.

Gli effetti dei mood food sull’umore

Il recente studio dei ricercatori Nestlé Research, in collaborazione con l’Imperial College di Londra, propone delle evidenze incredibili sul mood food. Allearsi con cibi idonei al profilo psicologico che hai in un preciso momento risolve innumerevoli problematiche, presenti e future. Ad esempio, arachidi, nocciole, legumi, carne e pesce migliorano l’umore in modo esponenziale.

E il merito di ciò va attribuito al triptofano, un amminoacido precursore della serotonina; tuttavia, occorre governare tale processo al fine di evitare ricadute inaspettate. Come quelle dettate da un eccesso di zuccheri, il cui picco glicemico può immediatamente destabilizzarti.

Se, invece, soffri di insonnia, ricorri a kiwi, pesche e albicocche poiché il loro contenuto di di magnesio e potassio favorisce il riposo e la distensione del tuo organismo .

Equilibrio e moderazione per la tenuta della forma fisica

Sebbene lo scenario dei mood food si presenti particolarmente allettante, è bene tenersi su una consapevole, quanto salutare, linea di demarcazione. Se l’appetito e la necessità di serenità prendono il sopravvento, non esagerare gestendo l’assunzione dei alimenti che scegli di assimilare. Basti pensare al formaggio, al vino, ai cavoli o agli spinaci, il cui apporto (a base di ammina, precursore dell’adrenalina) può generare gravi scompensi al sistema nervoso proiettandoti, tra l’altro, anche verso un mancato rispetto del tuo peso forma.

Fonte: lastampa.it

Commenti