Bibite zuccherate: un consumo eccessivo porta a diverse patologie

0
372
bibite zuccherate

Gli eccessi non conducono mai a nulla di buono. Se esageri in un senso o nell’altro, mancando letteralmente di rispetto al tuo fisico, sai che prima o poi arriverai a punto in cui dovrai correre ai ripari. E qualora questo abuso sia riconducibile alla bibite zuccherate, le problematiche da affrontare sono molteplici; per non parlare, poi, della componente estetica, un dettaglio che ti piace curare in ogni minimo particolare per sentirti a tuo agio in qualunque circostanza. E che con l’arrivo ormai imminente dell’estate, diventa l’elemento cardine per eccellenza per una gratificante prova costume.

L’abuso di bibite zuccherate secondo il California Teacher’s Study

Secondo i dati, in continuo divenire, rilevati dal California Teacher’s Study, bere uno o più tipi di bibite zuccherate al giorno aumenta la probabilità di avere bisogno di una rivascolarizzazione per le arterie ostruite del 26%. Se si parla di ictus, invece, le chance salgono del 21% rispetto a chi non consuma bevande di questo tipo. Dall’acqua in bottiglia zuccherata alle bevande analcoliche, passando per il tè, il campionario in tal senso è piuttosto vasto. Senza dimenticare i succhi di frutta con l’aggiunta di zucchero, che spesso ti solleticano il palato per via del loro gusto inebriante.

Insomma, i rischi appaiono alti. D’altro canto, sono i numeri a testimoniare una gravità che va contenuta nel miglior modo possibile. Su un campione di 106000 donne con un’età media di 52 anni, gli scenari reali e potenziali sono stati molteplici. Da chi consuma in modo sano e responsabile, a chi ne abusava quand’era più giovane o lo fa ancora oggi, i campanelli d’allarme si muovono in diverse direzioni. Obesità, diabete, infarti e aritmie cardiache sono, quindi, gli spauracchi che devi evitare comportandoti in maniera equilibrata.

Le raccomandazioni dell’American Heart Association

L’American Heart Association ti dà alcuni suggerimenti utili per l’assunzione ottimale delle bibite zuccherate. Innanzitutto, è bene tenersi su non più di 100 calorie al giorno (6 cucchiaini di zucchero o 25 grammi); inoltre, una valida alternativa alla predette bevande arriva dalla soda dietetica, particolarmente in voga tra chi sta cercando di “depurarsi”. Tuttavia, anche in questo caso si va incontro a un elemento che contiene dolcificanti artificiali come saccarina, aspartame e sucralosio. Quindi, non ti resta altro da fare che soffermarti sull’acqua, la bevanda più accessibile e salutare in circolazione che puoi bere regolarmente senza patemi di sorta.

Fonte: sciencedaily.com

Commenti